Avvocato arrestato prima del processo degli educatori baha’i

16 set

Avvocato arrestato prima del processo degli educatori baha’i

Mentre diversi baha’i in Iran sono in attesa di essere processati per aver dato lezioni a giovani esclusi dall’università, la Baha’i International Community ha appreso con costernazione che un avvocato che si preparava a difenderli è stato arrestato.

Abdolfattah Soltani, membro del team di legali che rappresentano i prigionieri, è stato arrestato sabato scorso. Il signor Soltani ha fondato il Centro dei difensori dei diritti umani assieme ad altri avvocati, fra i quali il Premio Nobel per la pace Shirin Ebadi. Il Centro di Teheran è stato chiuso in occasione di un’irruzione della polizia nel dicembre 2008.

In un suo appello all’Iran per la sua immediata liberazione, Amnesty International ha descritto il signor Soltani come «uno dei più coraggiosi difensori dei diritti umani in Iran…».

«I più coraggiosi avvocati iraniani sono convocati e poi arrestati oppure devono lasciare il paese», ha detto Diane Ala’i, rappresentante della Baha’i International Community presso le Nazioni Unite a Ginevra.

«Siamo molto preoccupati per l’arresto del signor Soltani», ha detto. «Quali sono i precisi motivi per cui le autorità iraniane hanno fatto questo arresto, poco prima che i suoi clienti affrontino il processo?».

Sette baha’i sono ancora in carcere per aver partecipato a un programma educativo informale secondo il quale alcuni professori baha’i, ai quali il governo iraniano impedisce di esercitare la professione, offrono volontariamente i loro servizi per dare lezioni a giovani membri della comunità esclusi dagli studi superiori.

Notizie della stampa in Iran hanno recentemente annunciato che il programma, conosciuto come Istituto baha’i di studi superiori (BIHE), è stato dichiarato illegale.

Tre mesi fa le autorità iraniane hanno fatto irruzione in 39 case di amministratori, docenti e studenti del BIHE. I sette ancora in carcere sono Mahmoud Badavam, Nooshin Khadem, Vahid Mahmoudi, Kamran Mortezaie, Farhad Sedghi e Ramin Zibaie, arrestati il 22 maggio, e Riaz Sobhani, arrestato il 14 giugno.

«Molte persone associate all’Istituto baha’i di studi superiori sono state arrestate e interrogate», ha detto Diane Ala’i. «Alcuni sono stati imprigionati e poi rilasciati. Oltre ai sette tuttora in carcere, altre quattro persone legate al BIHE sono state arrestate agli inizi della settimana».

È stato difficile conoscere i dettagli dell’imminente processo, ha detto.

«Non abbiamo avuto comunicazioni ufficiali sulle accuse mosse, tranne che un segnale che anche questa volta le accuse riguardano temi di sicurezza nazionale. Malgrado abbiano fatto il possibile, gli avvocati sono riusciti a incontrare solo tre dei baha’i attualmente detenuti».

«Invitiamo i governi, le organizzazioni e le persone di buona volontà di tutto il mondo a fare tutto il possibile per dissuadere l’Iran dal commettere un altro terribile errore giudiziario», ha detto la signora Ala’i.

Per leggere l’articolo in inglese online e vedere la fotografia, si vada a:

http://news.bahai.org/story/849

Altri articoli collegati:

  1. Sembra concluso il processo dei sette dirigenti baha’i iraniani L’Assemblea Spirituale Nazionale dei Baha’i d’Italia ha appreso che il processo contro i sette dirigenti baha’i trattenuti in carcere per oltre due anni in Iran sembra giunto al termine dopo...
  2. Indignazione in tutto il mondo per l’attacco dell’Iran contro gli educatori baha’i Governi, organizzazioni ed educatori hanno condannato il recente attacco dell’Iran contro un’iniziativa che offre studi superiori ai giovani baha’i ai quali non è consentito frequentare l’università. Il governo dell’Austria, oltre...
  3. Una lettera aperta all’Iran chiede di mettere fine all’oppressione degli studenti Una lettera aperta all’Iran chiede di mettere fine all’oppressione degli studenti In una lettera aperta al Ministro dell’istruzione iraniano, la Baha’i International Community chiede di mettere fine alle «pratiche ingiuste...

Comments are closed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi