Case demolite nel corso di una campagna per cacciar via i baha’i da un villaggio iraniano

Ginevra, 28 giugno (BWNS) – Le case di circa 50 famiglie baha’i di uno sperduto villaggio nel nord dell’Iran sono state demolite nel corso di una vasta campagna per espellerli dalla regione.

Il fatto è accaduto a Ivel, nel Mazandaran. Incitati da elementi ostili alla comunità baha’i, gli abitanti hanno bloccato tutti gli accessi al villaggio, mentre autocarri e quattro ruspe incominciavano a demolire le case. Video amatoriali, ripresi con cellulari e impostati su Internet da attivisti iraniani per i diritti umani, mostrano diversi edifici ridotti in macerie e furiosi incendi.

Le demolizioni sono gli ultimi episodi di un programma sanzionato alle autorità che ha colpito ogni attività baha’i nella zona. «I baha’i hanno avuto la proibizione di frequentare musulmani e di offrire servizi ai vicini e agli amici», ha detto Diane Ala’i, rappresentante della Baha’i International Community presso le Nazioni Unite a Ginevra. «Le più semplici buone azioni, come portare i fiori a un ammalato in ospedale o fare una donazione a un orfanotrofio, sono considerate azioni contro il regime».

La maggior parte delle case baha’i di Ivel erano vuote perché i proprietari erano fuggiti dopo precedenti episodi di violenza o per trasferimento coatto. Nel 2007, per esempio, sei case sono state incendiate. “I baha’i vivono in quest’area da oltre cent’anni e una volta la comunità era molto numerosa», ha detto la signora Ala’i. «Nel 1983, pochi anni dopo la rivoluzione iraniana, almeno 30 famiglie di questa’area e dei dintorni sono state fatte salire su autobus ed espulse.

«Le famiglie hanno cercato di ottenere giustizia dalle autorità, ma non ci sono riuscite e sono ritornate nell’area solo in estate per il raccolto», ha detto. Il giorno dopo le demolizioni, un baha’i che si è recato sul posto con la famiglia per il raccolto è stato percosso e insultato da altri residenti. In passato, quando essi hanno cercato di rientrare nell’area per ricostruire o riparare le proprie proprietà, sono stati aggrediti da persone che vogliono cacciare i baha’i.

Persistenti attacchi governativi contro i baha’i in tutti i mezzi di comunicazione e il rifiuto dei funzionari locali di proteggerli hanno continuato a incitare odio contro i baha’i nella regione e in tutto l’Iran, ha detto la signora Alai. «Quest’ultimo episodio dimostra fino a che punto sono arrivate le autorità nel trascurare il loro dovere di proteggere i baha’i e la loro libertà religiosa», ha detto. Molti membri della comunità baha’i hanno sporto querela prima e dopo il recente episodio presso i funzionari governativi locali, compreso il governatore della provincia di Sari. Ma le autorità hanno sempre negato di essere al corrente delle demolizioni o delle loro ragioni.

Notizia sull’episodio sono apparse in vari siti Web di lingua persiana sin da venerdì scorso, ma la Baha’i International Community ha potuto confermarne i dettagli solo oggi. Le ultime notizie dicono che è stato ora demolito il 90 percento delle case baha’i.

Per leggere l’articolo in inglese e vedere le fotografie si vada a: http://news.bahai.org/story/780

Spiacente, nessuno articolo collegato.

This entry was posted in comunicati stampa. Bookmark the permalink.

Comments are closed.