Eletta dopo 17 anni l’assemblea nazionale baha’i del Burundi

15 mag

I baha’i del Burundi sono in festa perché dopo 17 anni la loro Assemblea Spirituale Nazionale è stata nuovamente eletta.

La Fede baha’i si è stabilita in questa repubblica dell’Africa orientale senza sbocchi sul mare negli anni 1950. Ma negli ultimi decenni la comunità baha’i ha avuto molte difficoltà nell’amministrarsi a causa della guerra civile e dei disordini che hanno turbato il paese.

«Tutti sono felicissimi che dopo tanto tempo i baha’i del Burundi abbiano potuto rieleggere la loro Assemblea Nazionale», ha detto Ahmad Parsa, che ha presenziato all’elezione per conto del Corpo continentale del Consiglieri per l’Africa.

«E non sono felici solo i baha’i del Burundi», ha detto il signor Parsa. «Anche nei paesi confinanti, tutti sono lieti di sapere che i loro fratelli del Burundi possano finalmente riavere un’Assemblea Spirituale Nazionale».

Tutti i 19 delegati, eletti dall’intera comunità del Burundi, hanno preso parte all’elezione, che ha avuto luogo, dal 29 aprile al 1° maggio, nel centro nazionale baha’i nel quartiere Nyakabiga della capitale, Bujumbura.

Fra i delegati vi erano anche tre membri del popolo batwa, un’antica popolazione pigmea che è stata tradizionalmente soggetta a pregiudizi etnici ed esclusa dalla società. Uno di loro, Delphin Sebitwa, è una delle nove persone elette per servire nella nuova Assemblea Spirituale Nazionale.

«Non credo che qualcuno ancora capisca l’importanza di questo momento», ha detto il signor Parsa. «Si spera che questa nuova luce che è stata accesa illumini l’intero paese».

Per leggere l’articolo online in inglese e vedere le fotografie, si vada a: http://news.bahai.org/story/822

Altri articoli collegati:

  1. Eletta l’Assemblea Spirituale Nazionale dei Bahá’í d’Italia Si è conclusa ieri alle 12.30 la 50a Convenzione nazionale della comunità bahá’í italiana. 57 delegati, che la comunità bahá’í italiana ha precedentemente eletto a suffragio universale, si sono riuniti...
  2. Un ricordo del lascito di ‘Abdu’l-Baha all’Egitto, cent’anni dopo Come la lettera aperta dei baha’i dell’Egitto, che sollecita un dialogo nazionale sul futuro del paese, incomincia a suscitare un vasto interesse, così analoghe discussioni fra gli egiziani cent’anni or...
  3. Il tempio baha’i in Uganda, da 50 anni simbolo di unità e progresso KAMPALA, Uganda, 18 gennaio 2011 (BWNS). Nel corso della cerimonia per celebrare il 50° anniversario della Casa di culto baha’i, il Giudice capo della Corte suprema dell’Uganda ha elogiato il...
  4. Riconfermata la condanna a venti anni di prigione dei dirigenti baha’i in Iran: incredulità e costernazione Sei mesi dopo che la Corte d’appello iraniano aveva ridotto a dieci anni la pena dei sette dirigenti baha’i, i prigionieri sono stati informati che la loro condanna a 20...
  5. Ridotta a 10 anni la condanna dei dirigenti baha’i in Iran NEW YORK, 16 settembre (BWNS) — A quanto si dice la condanna a vent’anni di prigione comminata ai sette dirigenti baha’i in Iran è stata ridotta dopo il ricorso in...

Comments are closed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi