Professori universitari slovacchi chiedono all’Iran di liberare gli insegnanti baha’i

18 set

Oltre ottanta insigni professori universitari hanno invitato il governo iraniano a smettere di perseguitare gli insegnanti e gli studenti baha’i.

L’ex primo ministro slovacco, professor Iveta Radičová, e un ex ministro dell’educazione, professor Ján Pišút, sono fra gli 84 eminenti personaggi che hanno deciso di firmare una lettera aperta, lanciata durante una conferenza stampa a Bratislava lunedì.

La lettera esprime «dispiacere per il trattamento degli studenti e degli insegnanti baha’i in Iran».

«Queste persone sono punite dall’amministrazione statale perché vogliono studiare», dice la lettera.

La lettera è stata scritta in risposta alla vecchia politica del governo iraniano di impedire ai baha’i l’accesso agli studi superiori e ai suoi sforzi sistematici per impedire qualsiasi iniziativa comunitaria informale baha’i per istruire i suoi giovani.

I firmatari chiedono alle autorità iraniane di liberare diversi insegnanti che stanno ora scontando 4 o 5 anni di carcere. Vogliono anche che agli studenti baha’i siano riconosciuti gli stesi diritti all’istruzione che le istituzioni accademiche slovacche riconoscono a ogni studente e insegante «indipendentemente dalla sua tradizione, religione o paese d’origine».

La lettera aperta è stata preparata in collaborazione con il presidente dell’istituto per gli affari pubblici, dottor Gregorij Mesežnikov. Egli ha detto alla conferenza stampa di ieri che ritiene irragionevole che un governo neghi alcuni diritti a un intero gruppo solo perché appartiene a una certa religione.

Appoggiando l’iniziativa, Jitka Spillerová della comunità baha’i slovacca ha detto che i professori universitari «hanno fatto capire al governo iraniano che non può tenere nascoste le ingiustizie che sta perpetrando contro i baha’i del paese e altri intellettuali, neppure a un pubblico che è così lontano geograficamente».

Nel gennaio di quest’anno, il Comitato per gli affari esteri del parlamento slovacco ha emanato un proclama nel quale dice che l’incitamento all’odio da parte del governo iraniano per motivi di religione e di credo è «abominevole». Il proclama inoltre chiede che sia posta fine ai «crescenti sforzi per distruggere la comunità baha’i iraniana».

Per leggere on line l’articolo in inglese, vedere le foto e accedere ai link si vada a: http://news.bahai.org/story/925

Altri articoli collegati:

  1. Alcuni scienziati chiedono la liberazione degli insegnanti baha’i Un corpo internazionale di osservatori dei diritti umani degli scienziati nel mondo che aiuta coloro che ne hanno bisogno ha chiesto alle autorità iraniane di liberare gli insegnanti baha’i in...
  2. Desmond Tutu e Jose Ramos-Horta si uniscono alle richieste di liberare gli insegnanti baha’i Desmond Tutu e Jose Ramos-Horta si uniscono alle richieste di liberare gli insegnanti baha’i Mentre sette insegnanti baha’i compaiono davanti a un tribunale in Iran, due premi Nobel criticano duramente...
  3. Direttori di scuole mediche chiedono all’Iran di liberare i docenti baha’i in prigione Una cinquantina di direttori di scuole mediche negli Stati Uniti si sono uniti alle proteste per le persecuzioni del governo iraniano contro studenti e docenti baha’i. Quarantotto presidi e vice...
  4. Un ricordo del lascito di ‘Abdu’l-Baha all’Egitto, cent’anni dopo Come la lettera aperta dei baha’i dell’Egitto, che sollecita un dialogo nazionale sul futuro del paese, incomincia a suscitare un vasto interesse, così analoghe discussioni fra gli egiziani cent’anni or...
  5. Due presidenti universitari canadesi parlano a favore degli educatori baha’i Due illustri presidenti universitari hanno esortato tutti i loro colleghi canadesi a unirsi a loro nel chiedere che l’Iran smetta di perseguitare gli insegnanti e gli studenti baha’i. L’appello viene...

Comments are closed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi