Rio+20:speranza e ottimismo per un’azione unificata

21 giu

I capi del mondo che intendono promuovere lo sviluppo sostenibile devono adottare il principio «che ciascuno di noi entra nel mondo come un pegno affidato a tutti e, a sua volta, ha una certa responsabilità per il benessere di tutti».

Questo concetto è uno dei molti esaminati dalla Baha’i International Community (BIC) nella sua partecipazione a «Rio+20», la Conferenza ONU sullo sviluppo sostenibile, che si conclude domani.

Nella dichiarazione che ha presentato alla Conferenza, la BIC dice che l’idea di una «tutela che riguardi tutto il mondo» mette in discussione «le fondamenta etiche delle lealtà che non oltrepassano lo stato nazionale».

Si legga l’intera dichiarazione in inglese in questo sito: http://www.bic.org/statements/sustaining-societies-towards-new-we

«Finché un gruppo di nazioni considererà i propri interessi in reciproca opposizione, il progresso sarà limitato e di breve durata», dice la dichiarazione.

Altri temi illustrati dalla BIC sono il bisogno di un approccio al processo decisionale collettivo che si basi su sani principi e l’importanza di occuparsi degli estremi di povertà e di ricchezza.

Circa 130 capi di stato e di governo, assieme a oltre 50.000 rappresentanti delle agenzie internazionali, della società civile e di altri gruppi, hanno partecipato alla Conferenza che si proponeva di valutare il progresso nell’ambito dello sviluppo sostenibile dopo il Summit della terra di Rio del 1992.

Due grandi temi, costruire un’economia verde e creare una migliore struttura istituzionale, sono stati discussi in numerosi forum nelle ultime settimane e sono stati esaminati nella dichiarazione della BIC.

Hanno partecipato a Rio+20 tredici delegati della BIC, provenienti da varie nazioni. «L’indirizzo comune dei nostri contributi è stato il miglioramento dell’umanità», ha detto il delegato della BIC Daniel Perell. «Abbiamo cercato di trasmettere alcune idee su temi come la tutela e l’unità del genere umano, tutti uniti nella meta di contribuire a creare una società globale giusta, sostenibile nel lungo termine».

Oltre a partecipare alla Conferenza, i baha’i hanno organizzato, co-sponsorizzato o partecipato a molti eventi e conferenze paralleli, come:

– un dibattito sul tema «l’eliminazione degli estremi di ricchezza e povertà nel contesto dell’economia verde», che ha esaminato le dimensioni sociali, economiche e morali della crescente disparità del reddito.

– la partecipazione allo «Youth Blast», una conferenza ONU parallela per i giovani, che ha avuto luogo il 7-12 giugno. La BIC ha sponsorizzato un workshop interattivo su «la tutela nel contesto dello sviluppo sostenibile».

– l’inaugurazione di un monumento alla pace, eretto nel 1992 dalla BIC e dalla comunità baha’i brasiliana come contributo al Summit della terra. La scultura a clessidra contiene terra proveniente da circa 150 paesi. Alla cerimonia hanno partecipato Sha Zukang, Segretario generale dell’ONU per Rio+20, ed Eduardo Paes, sindaco di Rio.

– assistenza al Summit della gente di Rio, la parallela conferenza della società civile. I baha’i brasiliani hanno partecipato all’organizzazione di workshop su «principi spirituali per lo sviluppo» e «il ruolo sociale delle religioni».

«Qui a Rio+20 siamo spronati a guardare al di là degli interessi e delle lealtà nazionali e ad occuparci del benessere di tutti», ha detto Daniella Hiche, il funzionario per i diritti umani della comunità baha’i brasiliana, durante una conferenza stampa nella sede centrale di Rio+20.

La delegata della BIC May Akale, riassumendo l’evento, ha osservato: «Le sfide sono complesse, le aspettative dell’umanità sono alte e le delusioni per il ritmo del progresso possono essere profonde».

«Ma la cosa più ovvia è che stiamo andando verso un’azione unificata. C’è ancora molto da fare, ma le possibilità di sviluppare e promuovere l’applicazione di ciò su cui ci si è trovati d’accordo a Rio sono infinite. E questo è motivo di grande speranza e ottimismo».

Per leggere l’articolo in inglese online e vedere le fotografie si vada a: http://news.bahai.org/story/917

Altri articoli collegati:

  1. Lo sviluppo sostenibile, tema di una conferenza a Rio Nel 1992, il Summit della terra di Rio è stato uno dei massimi eventi organizzati dalle Nazioni Unite. Ora, i leader di tutto il mondo si stanno preparando a ritornare...

Comments are closed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi