Scrittori internazionali chiedono la liberazione di uno dei dirigenti baha’i iraniani imprigionati

12 nov

Scrittori internazionali chiedono la liberazione di uno dei dirigenti baha’i iraniani imprigionati

Durante una campagna per difendere gli scrittori perseguitati, PEN International ha chiesto la liberazione di Mahvash Sabet, una dei sette dirigenti baha’i iraniani imprigionati.

Nel tentativo di attirare l’attenzione sulla sorte di circa 900 romanzieri, poeti, e giornalisti che sono stati vessati, imprigionati, assassinati o che sono «scomparsi» l’anno scorso, l’organizzazione degli scrittori ne ha scelti cinque per una campagna di una settimana e la signora Sabet è la prima.

PEN International ha detto che la signora Sabet e agli altri sei dirigenti baha’i iraniani imprigionati «hanno subito un trattamento e privazioni spaventose durante la detenzione prima del processo» prima di essere condannati a dieci anni di carcere «dopo sei brevi sedute del tribunale caratterizzate da una totale disattenzione ai requisiti legali di un equo processo».

Il romanziere Alberto Manguel ha scritto alla signora Sabet un’appassionata lettera aperta che è stata pubblicata lunedì dal giornale The Guardian.

Le poesie dalla signora Sabet «sono una testimonianza delle ingiustizie, dei pregiudizi e dell’incapacità di comprendere che qualunque cosa la società faccia a un poeta, le sue poeta saranno sempre libere nella mente dei lettori e continueranno a portare alla luce nuove idee a stimolare la mete a dialogare», ha scritto il signor Manguel.

«Prison Poems [Poesie dal carcere]», il libro di poesie della signora Sabet, è stato pubblicato nel 2013. Insegnante ed educatrice, la signora è in prigione dal marzo 2008, accusata e alla fine condannata per false accuse di «spionaggio» e di «propaganda contro la Repubblica Islamica».

PEN International pubblicherà questa settimana lettere aperte indirizzate ad altri scrittori nel corso di una campagna che culminerà il 15 novembre, XXXIII Giornata internazionale dello scrittore in prigione. La campagna chiede ai membri di PEN, autori un centinaio di paesi, di sottoscrivere una petizione che richiede l’immediata liberazione della signora Sabet.

Per leggere l’articolo in inglese online, vedere le foto e accedere ai link:

http://news.bahai.org/story/1029

Altri articoli collegati:

  1. Fissata per il 12 giugno la quarta udienza per i sette dirigenti baha’i iraniani imprigionati La Baha’i International Community ha saputo che la quarta udienza per i sette dirigenti baha’i iraniani che si trovano in prigione da oltre due anni è stata fissata per sabato...
  2. Il mondo chiede la liberazione incondizionata dei dirigenti baha’i e di altri prigionieri di coscienza iraniani La sorte dei sette dirigenti baha’i imprigionati è stata oggetto di attenzione in dodici delle grandi città del mondo, nelle quali una giornata di mobilitazione ha ricordato i diecimila giorni...
  3. Appello dei capi religiosi inglesi per la liberazione dei sette dirigenti bahai iraniani Il dottor Kishan Manocha, responsabile degli affari esterni della comunità baha’i del Regno Unito ha informato l’Assemblea Spirituale Nazionale dei Baha’i d’Italia che i più importanti capi religiosi della Gran...
  4. In tutto il mondo sostegno ai sette dirigenti baha’i imprigionati in Iran Ginevra, 16 settembre (BWNS) — Si diffonde in tutto il modo la richiesta di liberare i sette dirigenti baha’i iraniani, la cui condanna è stata secondo voci attendibili ridotta a...
  5. Ritornati nella prigione di Evin due dirigenti baha’i iraniani Le due signore fra i sette dirigenti baha’i iraniani messi in prigione sono state ritrasferite nella famigerata prigione Evin di Teheran. La Baha’i International Community ha confermato che Fariba Kamalabadi...

Comments are closed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi