Il trattamento dei baha’i in Iran è diventato un’evidente politica di persecuzione istituzionalizzata

20 gen

Il trattamento dei baha’i in Iran è diventato «un’evidente politica di persecuzione istituzionalizzata», dice un proclama emanato dal Comitato per gli affari esteri del Parlamento slovacco.

Il proclama definisce «odioso» l’incitamento all’odio basato sulla religione e il credo da parte del governo iraniano. Dice anche che «ciò che il regime fa per perseguitare i baha’i è veramente agghiacciante» e che è imperativo chiedere all’Iran di interrompere «la vertiginosa impennata dei suoi sforzi per distruggere la comunità baha’i iraniana».

Il governo iraniano deve garantire ai baha’i «tutti i diritti umani come a tutte le altre persone» e «permettere che essi contribuiscano alla vita pubblica e allo sviluppo dell’Iran assieme a tutti i loro concittadini»», ha scritto il Comitato per gli affari esteri.

«Il fatto che questo Comitato si sia occupato della situazione dei baha’i in Iran è importante per due ragioni», ha detto il suo presidente, Frantisek Sebej.

«Primo, perché i parlamenti democratici del mondo devono occuparsi della violazione dei diritti umani di minoranze represse nelle altre parti del mondo, almeno perché noi siamo i fortunati che vivono in un mondo libero e abbiamo l’obbligo di prenderci cura degli altri».

«Secondo, con questa delibera possiamo aiutare la comunità baha’i».

Notando «una drastica intensificazione del sistematico programma sponsorizzato dal governo per distruggere la comunità baha’i in Iran», la dichiarazione scrive anche che la distruzione dei luoghi sacri e dei cimiteri baha’i è «un duro colpo a un retaggio culturale religioso molto importante per il genere umano». Essa chiede l’immediato rilascio dei sette dirigenti baha’i attualmente in carcere e degli insegnanti baha’i messi in prigione perché lavoravano per l’Istituto baha’i per gli studi superiori.

«Stiamo parlando di violazioni del diritto alla vita, alla libertà e alla sicurezza della persona, di violenti attacchi, di arresti e detenzioni arbitrarie, di impedimenti all’accesso all’istruzione, di confische e distruzioni di proprietà di persone e comunità e di negazioni di impieghi, pensioni e altri benefici», dice il proclama.

Il Comitato, che ha approvato il proclama durante un incontro che si è svolto ieri nell’edificio del Consiglio nazionale della Repubblica Slovacca, ha anche deciso di inviare la dichiarazione a eminenti personaggi in Iran, fra i quali il presidente Ahmadinejad.

«Non mi aspetto che il Governo iraniano fermi la persecuzione dei baha’i», ha detto il dottor Sebej, «ma almeno esso non oserà più fare cose orrende pensando che nessuno vede e nessuno se ne interessi».

Per leggere l’articolo in inglese online e vedere le fotografie, si vada a: http://news.bahai.org/story/882

Altri articoli collegati:

  1. Anche nella morte, i baha’i in Iran devono affrontare la persecuzione Diciott’anni fa, ai baha’i della città iraniana di Sanandaj è stato assegnato un desolato appezzamento di terreno sul bordo di una strada per uso cimiteriale. Questo terreno scosceso e spoglio...
  2. I baha’i europei celebrano il centenario dei viaggi di ‘Abdu’l-Baha I baha’i europei celebrano il centenario dei viaggi di ‘Abdu’l-Baha I baha’i in Europa ricordano il centenario degli storici viaggi di ‘Abdu’l-Baha in Occidente riflettendo sulle qualità del Suo eccezionale...
  3. Un ricordo del lascito di ‘Abdu’l-Baha all’Egitto, cent’anni dopo Come la lettera aperta dei baha’i dell’Egitto, che sollecita un dialogo nazionale sul futuro del paese, incomincia a suscitare un vasto interesse, così analoghe discussioni fra gli egiziani cent’anni or...
  4. La situazione dei bahá’í in Iran allarma la Regione Piemonte La persecuzione contro i bahá’í in Iran, che prosegue ormai da decenni e che ha suscitato preoccupazioni e allarme in tutto il mondo, è stata oggetto dell’attenzione della Regione Piemonte,...
  5. Una tavola rotonda discute la crisi dei diritti umani in Iran La situazione dei diritti umani in Iran è stata discussa durante un seminario che si è volto nel Parlamento del Regno Unito. La tavola rotonda, alla quale hanno partecipato membri...

Comments are closed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi