un importante prelato invoca la coesistenza religiosa in Iran

8 apr

Un atto simbolico senza precedenti: un importante prelato invoca la coesistenza religiosa in Iran

Con un atto simbolico che non ha precedenti, l’Ayatollah Abdol-Hamid Masoumi-Tehrani, eminente prelato musulmano in Iran, ha annunciato di aver donato ai baha’i del mondo una riproduzione calligrafica artisticamente decorata di un paragrafo di un’opera di Baha’u’llah, il Profeta che ha fondato la Fede baha’i.

Questo atto segue numerose recenti dichiarazioni pronunciate da eminenti esponenti religiosi del mondo musulmano che hanno offerto interpretazioni alternative degli insegnamenti dell’Islam, per cui la tolleranza di tutte le religioni sarebbe in realtà sostenuta dal santo Corano.

<>, ha detto la signora Bani Dugal, la principale rappresentante della Baha’i International Community presso le Nazioni Unite.

L’Ayatollah Tehrani afferma sul suo sito web di aver preparato la riproduzione calligrafica del versetto come <>.

L’Ayatollah Tehrani offre il suo squisito dono ai baha’i del mondo, in particolare a quelli dell’Iran, che egli dice <>. Afferma inoltre che il suo atto è <>.

La signora Dugal gli ha risposto: <>.

<>, ha detto la signora Dugal. <<È un atto notevole alla luce della protratta, sistematica persecuzione della comunità baha'i nel paese da parte del governo islamico>>.

La complessa opera d’arte deve aver richiesto diversi mesi di scrupoloso lavoro manuale. Riproduce al centro un simbolo noto fra i baha’i come <>, che è una rappresentazione calligrafica del concetto del rapporto fra Dio, i Suoi profeti e il mondo del creato. Il dono misura circa 60cm x 70cm ed è disegnato secondo lo stile classico. Fra le opere d’arte dell’Ayatollah Tehrani vi sono miniature del Corano, della Torà, dei Salmi, del Nuovo Testamento e del libro di Ezra. La sua miniatura dei Salmi è oggi conservata nella Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti.

La frase che l’Ayatollah Tehrani ha scelto di citare nel suo dono è tratta dal Kitab-i-Aqdas, il <>. Dice: <>.

In precedenza, l’Ayatollah Tehrani ha espresso pubblicamente con grande coraggio la sua preoccupazione per le continue, dure persecuzioni delle minoranze religiose, compresi i baha’i in Iran. Dopo la Rivoluzione islamica nel 1979, centinaia di baha’i sono stati uccisi e migliaia messi in prigione. In questo momento 115 baha’i sono trattenuti in carcere unicamente a causa delle loro convinzioni religiose. Ai baha’i in Iran sono stati negati l’accesso agli studi superiori e la possibilità di guadagnarsi da vivere, di seppellire i morti secondo i loro riti funerari, mentre i loro cimiteri sono stati demoliti, profanati ed espropriati, unicamente a causa della loro religione.

La speranza dell’Ayatollah Tehrani è che questo dono <>.

Per leggere online l’articolo in inglese, vedere le foto e accedere ai link si vada a:

http://news.bahai.org/story/987

Altri articoli collegati:

  1. Un cupo quadro della libertà religiosa in Iran In una relazione pubblicata lunedì scorso, gli Stati Uniti dipingono un cupo quadro della libertà religiosa in Iran, dimostrando che il governo iraniano opprime i seguaci di quasi tutte le...
  2. Condannate le violazioni della libertà religiosa in Iran Secondo un nuovo rapporto, l’Iran resta uno dei peggiori violatori dei diritti della libertà religiosa del mondo. La Commissione statunitense per la libertà religiosa internazionale (USCIRF) ha scritto che «il...
  3. In Iran i baha’i devono affrontare violazioni particolarmente gravi nel continuo deterioramento della libertà religiosa, dicono gli Stati Uniti Nel loro rapporto annuale sulla libertà religiosa internazionale, gli Stati Uniti dicono che l’anno scorso la libertà religiosa in Iran ha continuato costantemente a deteriorarsi, specialmente per le minoranze religiose...
  4. Grave preoccupazione per la sicurezza dei dirigenti bahai detenuti in Iran L’Assemblea Spirituale Nazionale dei Baha’i d’Italia ha saputo che i sette dirigenti baha’i detenuti in Iran sono stati trasferiti nei reparti più duri dello stabilimento carcerario in cui si trovano....
  5. L’Iran sta sistematicamente perseguitando i baha’i, dice un esperto sulla libertà religiosa delle Nazioni Unite L’Iran sta sistematicamente perseguitando i baha’i, dice un esperto sulla libertà religiosa delle Nazioni Unite Secondo un esperto dell’ONU la persecuzione dell’Iran contro i baha’i è fra le più «estreme...

Comments are closed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi